Crea sito

Memorize: short film cyberpunk di Eric Ramberg e Jimmy Eriksson

in Recensioni/Short Film da

memorize-short-film-cyberpunk-coverTitolo: “Memorize

Registi: Eric Ramberg e Jimmy Eriksson

Anno (uscita ufficiale): 2012

Nel Cast: Jimmy Eriksson, Martina Lindberg, Hakan Hjelm.

Trama: “Nel 2027, a tutti è stato impiantato un chip – il chip Memorize, che registra tutto ciò che vedi come nuovo modo per combattere il crimine. Un’unità controlla il sistema. E’ la a SSU – Special Surveillation Unit, Unità di Sorveglianza Speciale, ed è sempre presente…

Memorize è uno short film cyberpunk da guardare con interesse e attenzione ai particolari senza però avere troppe pretese dal punto di vista dello sviluppo delle tematiche e della completezza della vicenda. Come molti altri cortometraggi, è molto più ciò che viene suggerito rispetto a ciò che viene davvero rappresentato e sviluppato.

Dialoghi ridotti al minimo, recitazione buona anche se non eccellente, azione ed estetica dei personaggi che molto deve ai videogame e ad altre celebri pellicole (cito o non cito Matrix? Ma non solo…), Memorize è un “esercizio” più che un vero e proprio film, tuttavia la sua qualità è indubbiamente molto buona. I registi, infatti, commentanto così il loro lavoro:

La nostra principale missione era in realtà quella di aiutare un’altra compagnia (Quixel) con qualche foto/scena  live-action per mostrare semplicemente il loro nuovo strumento-texture per modelli 3d in giochi e film, ma invece siamo usciti con questa idea e abbiamo creato uno short film esteso.

memorize-ssu-short-film-cyberpunk-3Gli attori sono amici, famigliari e Jimmy Eriksson stesso (uno dei registi) nel ruolo del protagonista, agente della SSU che va in cerca di potenziali criminali neutralizzando i sospettati per analizzarne il chip Memorize e visualizzarne quindi i “ricordi” visivi durante la data in cui si sospetta sia stato commesso il crimine.

Durante la caccia abbondano azione, sparatorie, sangue, esplosioni, inseguimenti. L’ambientazione è suggestiva e ben si adatta ai canoni “tradizionali” del genere, tra grattacieli, luci e luoghi degradati, così come l’abbigliamento dei personaggi (abiti in pelle, mascherine, occhiali a specchio, ecc.) rimanda al classico immaginario cyberpunk. Non parliamo poi, delle armi automatiche, degli esplosivi, dei robot e delle torrette (che ha me hanno ricordato quelle di Half-Life 2).

memorize-city-short-film-cyberpunk-2Memorize è un cortometraggio che per tematiche e spunti di riflessione è in un certo senso paragonabile a Plurality, anche se ques’ultimo risulta sicuramente più elaborato a livello di contenuti. Altro riferimento possibile è al film Strange Days, nel quale grazie allo squid era possibile registrare le proprie memorie visive per poi riprodurle in un secondo momento.

Libertà, controllo dispotico e violento di un’unità di sorveglianza e ribellione verso il sistema sono comunque temi che Memorize contiene al suo interno, temi comparsi ormai da anni eppure ancora terribilmente attuali e degni di essere approfonditi.

E’ importante che ci sia ancora chi, come i registi di questo short film cyberpunk, abbia voglia di indagare possibili problemi del futuro (ormai sempre più a tratti “visibile”) allo stesso tempo intrattenendo lo spettatore con sempre efficaci scene d’azione.

MOBILE: guarda su Vimeo

Ultimi da Recensioni

Vai a Inizio