Crea sito
Tag archive

undergroundstories

“Ci capiscono poco” di il7 – Marco Settembre | UndergroundStories #5

in Rubriche/UndergroundStories da
"Ci capiscono poco" di il7 - Marco Settembre

Ci capiscono poco (…) “Vedi, non è la solita questione del cosiddetto “deep web”: nello Spazio-Tempo ritorto delle transizioni losco-informatiche, piene di allucinazioni monetarie tumorali e di movimenti plastici di entità che si vincolano e divincolano dalla Morte creando minacce, trappole e modificazioni improvvise delle strutture virtuali di vite singole e di assembramenti di poveretti…

Continua

“Uno di tanti” di Matteo Manunza | UndergroundStories #4

in Rubriche/UndergroundStories da

Uno di tanti Fuori pioveva senza sosta, il rumore mi cullava nel mio piccolo monolocale al trecentocinquantesimo piano di un fatiscente Hotel nella parte più bassa della Città. L’aria sapeva di sintetico e polvere intorno a me, e quel disordine  di bottiglie mezze vuote e avanzi di cibo mi faceva stare stranamente bene; era  la…

Continua

“Space Blues.” di Emanuele Nerozzi | UndergroundStories #3

in Rubriche/UndergroundStories da

Space Blues. Ambientazione: soffitta Costumi: Il protagonista indossa un borsalino e un abito classico Inquadratura primissimo piano orologio da muro bianco classico. Le lancette girano normali per tre quattro secondi poi accelerano per altri tre quattro poi rallentano per un paio. La telecamera fa uno scatto indietro e passa a primo piano per un paio…

Continua

“Limbo” di Luca Grandicelli | UndergroundStories #2

in Rubriche/UndergroundStories da

Limbo (tratto da Rotten) «Un codice? Ma di che parli?» Charlotte era sgomenta. Mentre l’elevatore iniziava la sua lenta discesa nelle viscere dell’Agglomerato, i suoi occhi si persero nel buio, vagando senza sosta alla ricerca di un punto di riferimento e faticando per abituarsi alla nuova oscurità. «Sì, un codice» sussurrò Maya. La sua voce pareva…

Continua

“Hack” di Matteo Taiocchi | UndergroundStories #1

in UndergroundStories da

Hack Sentire al tatto in un mondo di dimensioni declinate da un’interfaccia al nervo ottico. Mano? Proiezione sinestetica d’arto fantasma? La gira e piega le dita, assaporandone la verosimiglianza. Contorsioni vintage interfacciate in un deck da due soldi nella periferia più degradata, nello Sprawl più inoltrato. Ragazzini che giocano con palle di stracci sotto la…

Continua

Vai a Inizio